Passa ai contenuti principali

Da oggi riprende a pieno la nostra attività. Buon rientro a tutti.

Dopo due settimane di pausa, da oggi, lunedì 20 agosto riprende, a pieno, l'attività del nostro studio legale.

E' stato un breve periodo di riposo, ma anche di approfondimento in cui, come al solito, abbiamo cercato di dedicare del tempo a migliorare la nostra formazione professionale, al fine di poter garantire a tutti un servizio di assistenza legale sempre più efficiente e qualificato.

Sin da subito, infatti, ci aspettano nuove ed importanti sfide sul piano legale a cominciare dalle novità in tema di giustizia e in tema di tariffe professionali. 

Con l'approvazione definitiva della "Spending review" infatti, saranno eliminati numerosi uffici giudiziari e accentrate tutta l'attività nei tribunali principali.

Sarà, come sempre nostra cura, anche in questo periodo di transizione dei fascicoli da un ufficio all'altro, seguire attentamente ogni pratica e il suo relativo stato rammentando ad ogni cliente che, previa richiesta, sarà possibile accedere al nostro servizio di visualizzazione on line di tutti i documenti che li riguardano.

Nel contempo ricordiamo, inoltre, che sono recentemente entrati in vigore anche i nuovi parametri elaborati dal Ministero della Giustizia, per la liquidazione delle spese legali nell'ambito dei giudizi civili che sostituiscono integralmente le vecchie tariffe professionali quali criteri orientativi per la loro determinazione.

In virtù di questa novità normativa, qualora, in sede processuale, l'organo giudiziario rilevi l'inesistenza di un accordo preliminare tra le parti (cliente e avvocato) sulla determinazione del compenso, tale circostanza potrà influire negativamente sulla liquidazione in favore dell'avvocato.

Per tali motivi vi ricordiamo che, per qualsiasi attività professionale richiesta al nostro studio, sarà sempre necessario ed indispensabile, prima dell'inizio della stessa che i nostri clienti accettino espressamente un preventivo scritto che sarà loro sottoposto al fine di determinare con precisione l'importo dovuto per l'intera attività da svolgere.


Sta per iniziare una nuova stagione lavorativa e il nostro studio sta già lavorando per voi. Per commenti o chiarimenti contatteci pure saremo lieti di rispondervi.

Buon rientro a tutti dal nostro staff.

Commenti

Post popolari in questo blog

Inoltrate le prime due richieste di decreto ingiuntivo europeo dallo Studio

In data odierna sono state inoltrate a mezzo posta, presso due uffici giudiziari di altrettanti Stati membri dell'Unione (Spagna e Bulgaria), per conto di una società cliente dello Studio le prime due richieste di decreto ingiuntivo europeo nei confronti di società con sede all'estero. Si rammenta brevemente che, il "decreto ingiuntivo europeo" è stato introdotto dal regolamento n. 1896/2006 che istituisce un "procedimento europeo di ingiunzione di pagamento". Tale procedura consente al creditore – in via facoltativa – di ricorrere al ricorso al procedimento europeo o di impiegare le procedure nazionali. Il procedimento speciale disciplinato dal regolamento è applicabile ai crediti non contestati nel settore civile e commerciale, mentre restano escluse le controversie inerenti l’ambito doganale, amministrativo, fiscale, in materia di fallimenti, concordati e procedure similari, in ordine al regime patrimoniale dei coniugi, testamenti e successioni, nonché …

Lo studio legale Curci & Genovese è abilitato ad utilizzare il processo tributario telematico

Il nostro studio legale si è abilitato, previa apposita registrazione sulla piattaforma della Giustizia Tributaria telematica all'utilizzo del processo tributario telematico e ne sta utilizzando regolarmente i sistemi.

Abbiamo, infatti, già introdotto diversi ricorsi in modalità completamente telematica, dalla notifica dell'atto sino al deposito presso la competente Commissione Tributaria Provinciale velocizzando così i tempi di gestione del contenzioso e ottenendo anche risparmi per i clienti dal momento che tutte le notifiche non vengono più eseguite in modalità cartacea, ma esclusivamente a mezzo di posta elettronica certificata.

Ricordiamo che il processo tributario telematico è ormi attivo sull'intero territorio nazionale e, dunque, è possibile, sin d'ora, gestire contenziosi fiscali presso qualsiasi commissione provinciale, motivo per cui i nostri professionisti sono a disposizione di chiunque abbia bisogno di apposita consulenza in materia.

Tassa sui rifiuti: la consulenza del nostro studio per valutare eventuali errori e chiedere i rimborsi

Così come emerso dalle dichiarazioni del sottosegretario all'Economia Baretta, secondo il Ministero, negli ultimi anni alcuni Comuni avrebbero commesso diversi errori nel calcolo della Tassa sui rifiuti facendo così aumentare a dismisura le somme dovute dai cittadini.
La tassa rifiuti (così come riformulata dalla L.147/13) prevede l'obbligo di versamento in favore dei Comuni a carico di chiunque possieda o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte che possono produrre spazzatura.

La tassa comprende una quota fissa e una variabile. La parte fissa sia applica in maniera proporzionale ai metri quadrati dell'abitazione, mentre quella variabile, aumenta a seconda del numero dei familiari che occupano l'immobile. La quota variabile va, dunque, calcolata una sola volta sull'insieme di casa e pertinenze immobiliari (es: box auto, cantine, ecc..), tenendo, come detto, ovviamente conto del numero degli occupanti l'immobile. Ciononostante alcuni Comuni invece d…