Passa ai contenuti principali

Nasce il "forum dei diritti". Parliamo insieme di giustizia (ma anche di ingiustizia)

Sul portale del nostro studio emiliocurci.net nasce il "Forum dei diritti".

E' un nuovo spazio libero aperto a tutti coloro che vogliano prendervi parte nel quale si discute di legge, giustizia e più in generale di tutela dei diritti.

E' lo spazio in cui raccontare le proprie esperienze con la giustizia, ma anche con l'ingiustizia o più semplicemente con la giustizia negata.

E' il luogo in cui confrontarsi, chiedere pareri scambiare opinioni per imparare a conoscere e difendere i propri diritti o quelli altrui.

Il forum è moderato dai professionisti dello studio legale Curci & Genovese che contribuiscono al dibattito mettendo a disposizione le proprie competenze giuridiche e la propria esperienza nel campo del diritto.

La partecipazione al forum è completamente gratuita, previa iscrizione.

Per iscriversi è sufficiente collegarsi sulla Home page del forum dei diritti e richiedere di essere iscritto cliccando su "Richiedi la partecipazione" o su "Contatta il proprietario" e inserendo successivamente i dati richiesti 

In caso affermativo si riceverà un'email di conferma dell'iscrizione contenente tutte le indicazioni per utilizzare il forum e, da quel momento, sarà possibile cominciare ad inserire i propri messaggi.

Ricordiamo che per partecipare al forum è importante essere dotati di un account google ovvero di un indirizzo di posta elettronica google (che è già abilitato a partecipare ai gruppi di discussione).

In mancanza di tale requisito non è possibile accedere al gruppo.

Ricordiamo, infine, che l'iscrizione al forum comporta l'accettazione della relativa policy ed ossia del regolamento che lo disciplina e che è finalizzato a garantire a tutti i partecipanti lo svolgimento di discussioni corrette, ordinate e rispettose di tutte le opinioni espresse.

Commenti

Post popolari in questo blog

Inoltrate le prime due richieste di decreto ingiuntivo europeo dallo Studio

In data odierna sono state inoltrate a mezzo posta, presso due uffici giudiziari di altrettanti Stati membri dell'Unione (Spagna e Bulgaria), per conto di una società cliente dello Studio le prime due richieste di decreto ingiuntivo europeo nei confronti di società con sede all'estero. Si rammenta brevemente che, il "decreto ingiuntivo europeo" è stato introdotto dal regolamento n. 1896/2006 che istituisce un "procedimento europeo di ingiunzione di pagamento". Tale procedura consente al creditore – in via facoltativa – di ricorrere al ricorso al procedimento europeo o di impiegare le procedure nazionali. Il procedimento speciale disciplinato dal regolamento è applicabile ai crediti non contestati nel settore civile e commerciale, mentre restano escluse le controversie inerenti l’ambito doganale, amministrativo, fiscale, in materia di fallimenti, concordati e procedure similari, in ordine al regime patrimoniale dei coniugi, testamenti e successioni, nonché …

Lo studio legale Curci & Genovese è abilitato ad utilizzare il processo tributario telematico

Il nostro studio legale si è abilitato, previa apposita registrazione sulla piattaforma della Giustizia Tributaria telematica all'utilizzo del processo tributario telematico e ne sta utilizzando regolarmente i sistemi.

Abbiamo, infatti, già introdotto diversi ricorsi in modalità completamente telematica, dalla notifica dell'atto sino al deposito presso la competente Commissione Tributaria Provinciale velocizzando così i tempi di gestione del contenzioso e ottenendo anche risparmi per i clienti dal momento che tutte le notifiche non vengono più eseguite in modalità cartacea, ma esclusivamente a mezzo di posta elettronica certificata.

Ricordiamo che il processo tributario telematico è ormi attivo sull'intero territorio nazionale e, dunque, è possibile, sin d'ora, gestire contenziosi fiscali presso qualsiasi commissione provinciale, motivo per cui i nostri professionisti sono a disposizione di chiunque abbia bisogno di apposita consulenza in materia.

Tassa sui rifiuti: la consulenza del nostro studio per valutare eventuali errori e chiedere i rimborsi

Così come emerso dalle dichiarazioni del sottosegretario all'Economia Baretta, secondo il Ministero, negli ultimi anni alcuni Comuni avrebbero commesso diversi errori nel calcolo della Tassa sui rifiuti facendo così aumentare a dismisura le somme dovute dai cittadini.
La tassa rifiuti (così come riformulata dalla L.147/13) prevede l'obbligo di versamento in favore dei Comuni a carico di chiunque possieda o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte che possono produrre spazzatura.

La tassa comprende una quota fissa e una variabile. La parte fissa sia applica in maniera proporzionale ai metri quadrati dell'abitazione, mentre quella variabile, aumenta a seconda del numero dei familiari che occupano l'immobile. La quota variabile va, dunque, calcolata una sola volta sull'insieme di casa e pertinenze immobiliari (es: box auto, cantine, ecc..), tenendo, come detto, ovviamente conto del numero degli occupanti l'immobile. Ciononostante alcuni Comuni invece d…