Passa ai contenuti principali

Lo studio Curci & Genovese utilizza Blackberry Messenger. Se volete potete comunicare con noi anche così

Per chi usa da tempo Blackberry non è necessario spiegare di cosa si tratta, ma per tutti gli utenti di Iphone e Android rappresenta un'importante novità.

Da qualche mese, infatti, è possibile utilizzare anche per dispositivi non Blackberry quali i telefoni Iphone o Android (es: i Samsung Galaxy) la famosa applicazione per comunicare in tempo reale, scambiare immagini, file, video effettuare chiamate audio/video e molto altro ancora.

Per fare ciò basta scaricare l'apposita applicazione messa a disposizione gratuitamente sugli store dei detti apparati (Itunes per Iphone e Play Store per Android) e configurare il proprio profilo.

Tale strumento è estremamente funzionale soprattutto per la rapidità di utilizzato e per la sua continua disponibilità e, dunque, è stato scelto dai professionisti del nostro studio per comunicare tra loro.

E' possibile contattare il nostro studio indirizzando un messaggio al profilo dell'Avv. Emilio Curci, identificato come contatto Emilio Curci o all'Avv. Antonia Genovese identificata come Antonia Genovese.

Se anche voi volete contattarci in tempo reale in maniera rapida, funzionale e assolutamente gratuita potete farlo installando l'applicazione sul vostro telefono e inviarci un messaggio di invito ad entrare a far parte dei vostri contatti.

Per farlo eseguite queste semplici operazioni:

1) Aprite l'applicazione Blackberry Messenger (da ora per brevità BBM) sul telefono.

2) Nella schermata principale premete il tasto "Altro" e, quindi, fate clic su "Invita a BBM". Si aprirà una finestra per inviare un messaggio. 

3) Nel campo vuoto inserite l'indirizzo email: emiliocurci@emiliocurci.net o antoniagenovese@emiliocurci.net e, quindi, premete "invia". 
Sarà inviata una mail al nostro indirizzo e provvederemo ad accettare l'invito. Completata tale operazione il nominativo Emilio 

Curci o Antonia Genovese appariranno tra i vostri contatti e sarà possibile inviarci messaggi o, comunque, utilizzare tutte le possibilità di comunicazione offerte dal sistema

Commenti

Post popolari in questo blog

Inoltrate le prime due richieste di decreto ingiuntivo europeo dallo Studio

In data odierna sono state inoltrate a mezzo posta, presso due uffici giudiziari di altrettanti Stati membri dell'Unione (Spagna e Bulgaria), per conto di una società cliente dello Studio le prime due richieste di decreto ingiuntivo europeo nei confronti di società con sede all'estero. Si rammenta brevemente che, il "decreto ingiuntivo europeo" è stato introdotto dal regolamento n. 1896/2006 che istituisce un "procedimento europeo di ingiunzione di pagamento". Tale procedura consente al creditore – in via facoltativa – di ricorrere al ricorso al procedimento europeo o di impiegare le procedure nazionali. Il procedimento speciale disciplinato dal regolamento è applicabile ai crediti non contestati nel settore civile e commerciale, mentre restano escluse le controversie inerenti l’ambito doganale, amministrativo, fiscale, in materia di fallimenti, concordati e procedure similari, in ordine al regime patrimoniale dei coniugi, testamenti e successioni, nonché …

Lo studio legale Curci & Genovese è abilitato ad utilizzare il processo tributario telematico

Il nostro studio legale si è abilitato, previa apposita registrazione sulla piattaforma della Giustizia Tributaria telematica all'utilizzo del processo tributario telematico e ne sta utilizzando regolarmente i sistemi.

Abbiamo, infatti, già introdotto diversi ricorsi in modalità completamente telematica, dalla notifica dell'atto sino al deposito presso la competente Commissione Tributaria Provinciale velocizzando così i tempi di gestione del contenzioso e ottenendo anche risparmi per i clienti dal momento che tutte le notifiche non vengono più eseguite in modalità cartacea, ma esclusivamente a mezzo di posta elettronica certificata.

Ricordiamo che il processo tributario telematico è ormi attivo sull'intero territorio nazionale e, dunque, è possibile, sin d'ora, gestire contenziosi fiscali presso qualsiasi commissione provinciale, motivo per cui i nostri professionisti sono a disposizione di chiunque abbia bisogno di apposita consulenza in materia.

Tassa sui rifiuti: la consulenza del nostro studio per valutare eventuali errori e chiedere i rimborsi

Così come emerso dalle dichiarazioni del sottosegretario all'Economia Baretta, secondo il Ministero, negli ultimi anni alcuni Comuni avrebbero commesso diversi errori nel calcolo della Tassa sui rifiuti facendo così aumentare a dismisura le somme dovute dai cittadini.
La tassa rifiuti (così come riformulata dalla L.147/13) prevede l'obbligo di versamento in favore dei Comuni a carico di chiunque possieda o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte che possono produrre spazzatura.

La tassa comprende una quota fissa e una variabile. La parte fissa sia applica in maniera proporzionale ai metri quadrati dell'abitazione, mentre quella variabile, aumenta a seconda del numero dei familiari che occupano l'immobile. La quota variabile va, dunque, calcolata una sola volta sull'insieme di casa e pertinenze immobiliari (es: box auto, cantine, ecc..), tenendo, come detto, ovviamente conto del numero degli occupanti l'immobile. Ciononostante alcuni Comuni invece d…