Passa ai contenuti principali

L'assicurazione per i rischi derivanti dall'attività di avvocato non è ancora obbligatoria. Noi la abbiamo già. Una sicurezza in più per i nostri clienti

Sulla Gazzetta Ufficiale 18 gennaio 2013, è stata pubblicata la legge 31 dicembre 2012, n. 247, più nota come "riforma dell'ordinamento forense".

Tra le importanti novità introdotte c'è quella prevista dall'art. 12 che prevede l'obbligatorietà per gli avvocati di stipulare una polizza per la responsabilità civile derivante dall'esercizio della professione forense.

Pertanto, a far data, dal 13 agosto 2013, ogni avvocato dovrà necessariamente sottoscrivere (qualora non lo abbia già fatto) un'apposita polizza in tal senso rendendo, altresì, noto ai propri clienti gli estremi della stessa.

La polizza rappresenta, dunque, un valido strumento per fornire una maggior tutela ai clienti in caso di errori derivanti dall'esercizio dell'attività professionale.

Da sempre il nostro studio ritiene di estrema importanza garantire la sicurezza dei propri clienti sotto ogni aspetto e, dunque, da oltre tre anni, ben prima che divenisse obbligo di legge, entrambi i titolari hanno stipulato una specifica polizza che copre i rischi derivanti da eventuali errori commessi nello svolgimento di incarichi legali a loro affidati.

Gli estremi di tale polizza vengono comunicati ai clienti sin dal primo conferimento dell'incarico, previa consegna di apposita informativa.

Riteniamo, dunque, in tal modo di offrire un'ulteriore garanzia di affidabilità e sicurezza anche nelle ipotesi in cui (siamo umani...) dovessimo commettere alcuni errori.

Qualunque studio legale vogliate scegliere per affidare un incarico vi consigliamo, pertanto, di verificare se gli avvocati che vi lavorano siano assicurati per i rischi derivanti dall'esercizio della professione e soprattuto, a partire dal mese di agosto ricordatevi che è un vero e proprio obbligo di legge ed è un vostro diritto conoscere gli estremi della polizza.

Qualora, invece, ci farete l'onore di scegliere il nostro, sappiate che, sin d'ora siamo pronti ad offrirvi in anticipo una sicurezza in più....

Commenti

Post popolari in questo blog

Lo studio legale Curci & Partners seleziona neolaureati per tirocinio professionale

A seguito dell'avvio del processo di riorganizzazione e ristrutturazione lo studio legale Curci & Partners (già studio legale Curci & Genovese), come indicato nei precedenti post, intende avviare un iter di selezione di neolaureati in giurisprudenza ai quali far compiere il periodo di tirocinio professionale al proprio interno.

All'esito di tale periodo di formazione ai soggetti prescelti che terminereanno con profitto il tirocinio professionale, acquisendo il titolo di avvocato, lo studio valuterà la possibilità di offrire proposte di associazione  nella propria struttura.

Al fine di conoscere i requisiti richiesti per partecipare a tale selezione è possibile consultare la pagina www.emiliocurci.net/tirocinio attraverso la quale inviare anche la propria candidatura.

Pubblicata la nostra nuova informativa sulla privacy

Come a tutti noto, il prossimo 25 maggio 2018 entrerà in vigore anche in Italia il c.d. GDPR (acronimo di General Data Protection Regulation) istituito dal Regolamento UE 679/2016. La nuova norma impone diverse modifiche in materia di privacy a diversi soggetti che trattano i dati personali tra cui anche ovviamente i professionisti legali.  Rimandando a successivi approfondimenti che saranno pubblicati sul sito l'impatto dei contenuti sulla professione legale, il nostro studio ha innanzitutto adeguato la propria informativa privacy alle nuove regolamentazioni normative alla nuova versione che riportiamo di seguito.

Da oggi lo studio è abilitato ad accettare pagamenti tramite POS e strumenti elettronici avanzati

Lo studio legale Curci & Partners, non solo per adeguarsi alla normativa in vigore, ma soprattutto per venire incontro alle esigenze della propria clientela si è dotato di un apposito POS per ricevere pagamenti elettronici tramite carte di debito e/o di credito, nonchè attraverso strumenti elettronici avanzati.
Il dispositivo scelto per tali operazioni consente ai clienti di effettuare i pagamenti delle prestazioni professionali attraverso tutte le più comuni carte di debito / credito (Visa, Vpay, Mastercard, Maestro, American Express, Diners Club, Discover), nonchè i più recenti strumenti di pagamento digitali (Apple Pay e G Pay).