Passa ai contenuti principali

L'assicurazione per i rischi derivanti dall'attività di avvocato non è ancora obbligatoria. Noi la abbiamo già. Una sicurezza in più per i nostri clienti

Sulla Gazzetta Ufficiale 18 gennaio 2013, è stata pubblicata la legge 31 dicembre 2012, n. 247, più nota come "riforma dell'ordinamento forense".

Tra le importanti novità introdotte c'è quella prevista dall'art. 12 che prevede l'obbligatorietà per gli avvocati di stipulare una polizza per la responsabilità civile derivante dall'esercizio della professione forense.

Pertanto, a far data, dal 13 agosto 2013, ogni avvocato dovrà necessariamente sottoscrivere (qualora non lo abbia già fatto) un'apposita polizza in tal senso rendendo, altresì, noto ai propri clienti gli estremi della stessa.

La polizza rappresenta, dunque, un valido strumento per fornire una maggior tutela ai clienti in caso di errori derivanti dall'esercizio dell'attività professionale.

Da sempre il nostro studio ritiene di estrema importanza garantire la sicurezza dei propri clienti sotto ogni aspetto e, dunque, da oltre tre anni, ben prima che divenisse obbligo di legge, entrambi i titolari hanno stipulato una specifica polizza che copre i rischi derivanti da eventuali errori commessi nello svolgimento di incarichi legali a loro affidati.

Gli estremi di tale polizza vengono comunicati ai clienti sin dal primo conferimento dell'incarico, previa consegna di apposita informativa.

Riteniamo, dunque, in tal modo di offrire un'ulteriore garanzia di affidabilità e sicurezza anche nelle ipotesi in cui (siamo umani...) dovessimo commettere alcuni errori.

Qualunque studio legale vogliate scegliere per affidare un incarico vi consigliamo, pertanto, di verificare se gli avvocati che vi lavorano siano assicurati per i rischi derivanti dall'esercizio della professione e soprattuto, a partire dal mese di agosto ricordatevi che è un vero e proprio obbligo di legge ed è un vostro diritto conoscere gli estremi della polizza.

Qualora, invece, ci farete l'onore di scegliere il nostro, sappiate che, sin d'ora siamo pronti ad offrirvi in anticipo una sicurezza in più....

Commenti

Post popolari in questo blog

Inoltrate le prime due richieste di decreto ingiuntivo europeo dallo Studio

In data odierna sono state inoltrate a mezzo posta, presso due uffici giudiziari di altrettanti Stati membri dell'Unione (Spagna e Bulgaria), per conto di una società cliente dello Studio le prime due richieste di decreto ingiuntivo europeo nei confronti di società con sede all'estero. Si rammenta brevemente che, il "decreto ingiuntivo europeo" è stato introdotto dal regolamento n. 1896/2006 che istituisce un "procedimento europeo di ingiunzione di pagamento". Tale procedura consente al creditore – in via facoltativa – di ricorrere al ricorso al procedimento europeo o di impiegare le procedure nazionali. Il procedimento speciale disciplinato dal regolamento è applicabile ai crediti non contestati nel settore civile e commerciale, mentre restano escluse le controversie inerenti l’ambito doganale, amministrativo, fiscale, in materia di fallimenti, concordati e procedure similari, in ordine al regime patrimoniale dei coniugi, testamenti e successioni, nonché …

Lo studio legale Curci & Genovese è abilitato ad utilizzare il processo tributario telematico

Il nostro studio legale si è abilitato, previa apposita registrazione sulla piattaforma della Giustizia Tributaria telematica all'utilizzo del processo tributario telematico e ne sta utilizzando regolarmente i sistemi.

Abbiamo, infatti, già introdotto diversi ricorsi in modalità completamente telematica, dalla notifica dell'atto sino al deposito presso la competente Commissione Tributaria Provinciale velocizzando così i tempi di gestione del contenzioso e ottenendo anche risparmi per i clienti dal momento che tutte le notifiche non vengono più eseguite in modalità cartacea, ma esclusivamente a mezzo di posta elettronica certificata.

Ricordiamo che il processo tributario telematico è ormi attivo sull'intero territorio nazionale e, dunque, è possibile, sin d'ora, gestire contenziosi fiscali presso qualsiasi commissione provinciale, motivo per cui i nostri professionisti sono a disposizione di chiunque abbia bisogno di apposita consulenza in materia.

Tassa sui rifiuti: la consulenza del nostro studio per valutare eventuali errori e chiedere i rimborsi

Così come emerso dalle dichiarazioni del sottosegretario all'Economia Baretta, secondo il Ministero, negli ultimi anni alcuni Comuni avrebbero commesso diversi errori nel calcolo della Tassa sui rifiuti facendo così aumentare a dismisura le somme dovute dai cittadini.
La tassa rifiuti (così come riformulata dalla L.147/13) prevede l'obbligo di versamento in favore dei Comuni a carico di chiunque possieda o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte che possono produrre spazzatura.

La tassa comprende una quota fissa e una variabile. La parte fissa sia applica in maniera proporzionale ai metri quadrati dell'abitazione, mentre quella variabile, aumenta a seconda del numero dei familiari che occupano l'immobile. La quota variabile va, dunque, calcolata una sola volta sull'insieme di casa e pertinenze immobiliari (es: box auto, cantine, ecc..), tenendo, come detto, ovviamente conto del numero degli occupanti l'immobile. Ciononostante alcuni Comuni invece d…